con Bronx Bronx con plateau con con plateau Bronx Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau Sandali YtxqCwX

Questo sito fa parte del gruppo Citynews: proseguendo nella navigazione acconsenti al trattamento dei dati essenziali per il funzionamento del servizio. Maggiori informazioni. Ti chiediamo anche il consenso per il trattamento esteso alla profilazione e per il trattamento tramite società terze. Potrai rivedere la tua scelta in qualsiasi momento, cliccando nel link "Privacy" in fondo a tutte le pagine dei siti Citynews.

.
con Bronx Bronx con plateau con con plateau Bronx Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau Sandali YtxqCwX con Bronx Bronx con plateau con con plateau Bronx Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau Sandali YtxqCwX con Bronx Bronx con plateau con con plateau Bronx Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau Sandali YtxqCwX con Bronx Bronx con plateau con con plateau Bronx Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau Sandali YtxqCwX con Bronx Bronx con plateau con con plateau Bronx Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau Sandali YtxqCwX con Bronx Bronx con plateau con con plateau Bronx Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau Sandali YtxqCwX con Bronx Bronx con plateau con con plateau Bronx Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau Sandali YtxqCwX
.

In una provincia dove si muore di cancro, dove la rete di assistenza sanitaria ha subito grosse trasformazioni proprio in funzione dei nuovi dati sui decessi per malattie tumorali, al Perrino di Brindisi per un malato oncologico in fase terminale non c’è un posto letto

BRINDISI – In una provincia dove si muore di cancro, dove la rete di assistenza sanitaria ha subito grosse trasformazioni proprio in funzione dei nuovi dati sui decessi per malattie tumorali, al Perrino di Brindisi per un malato oncologico in fase terminale non c’è un posto letto. Un malato troppo grave per cui non c’è cura, nel Brindisino, a quanto pare non ha diritto a morire in una struttura ospedaliera pubblica.

Nella mattinata di mercoledì 23 luglio, un paziente oncologico grave, è stato sballottolato da un reparto all'altro, da un piano all'altro, alla ricerca di un posto letto, un posto dove poter essere assistito in maniera dignitosa, “sicura”, dove i parenti potessero sentirsi in qualche modo “protetti” dalla presenza di personale esperto e specializzato, anche solo per alleviare le sofferenze del congiunto.

Il paziente in questione, affetto da una grave forma tumorale per cui non c’è più cura è giunto in condizioni critiche al Perrino di Brindisi con un’ambulanza del 118 in tarda mattinata. È stato subito preso in carico e sottoposto a Tac attraverso la quale è stato riscontrato un aggravamento delle condizioni.

Da lì poi il calvario. “Non c’è cura, il paziente deve tornare a casa ed essere assistito dalla cooperativa che per conto della Asl si occupa dell’assistenza domiciliare dei malati terminali”. Questo si sono sentiti dire i parenti. Deve tornare a casa perché non ci sono posti letto. Non c’era un posto per una persona in fin di vita a cui la vita non si può più salvare.

È questo il nuovo sistema sanitario brindisino. Un sistema di cui sono vittime anche gli stessi medici e infermieri che in alcuni casi, pur riconoscendo la gravità della situazione non possono fare altro che seguire le direttive. 

Dopo la Tac il paziente, e parliamo di un uomo sulla 70na divorato dalla malattia, debole e con decimi di febbre, è stato portato in Neurochirurgia, dove, però, una volta appurata la gravità della situazione è stato ricondotto al Pronto soccorso (da dove era giunto) perché in quel reparto non c’era posto. Ce lo hanno portato i figli, su consiglio di qualche medico “se aspettate che arrivi qualcuno a prenderlo facciamo notte, meglio se lo portate voi”.

Al Pronto soccorso è stato ribadito ciò che era stato già detto in precedenza: “Purtroppo deve tornare a casa e farsi assistere dall’Ant o da chi per loro, in ospedale non ci sono posti”. Un’alternativa proposta dalla famiglia è stata quella di ricoverare il paziente nel reparto di lungodegenza dell’ospedale Melli di San Pietro, le sue condizioni sono troppo gravi per essere gestite dai famigliari a casa o da infermieri e operatori "a ore".

Ma non si può accedere direttamente in Lungodegenza se prima non si viene ricoverati in qualche reparto del Perrino, in Lungodegenza si accede “per trasferimento”. E’ questa la procedura. Ma posti letto per ricoverare quel paziente non ce n’erano. Il medico del Pronto soccorso, quindi, ha chiesto la consulenza oncologica, nella speranza di trovare un posto.

Ma dal reparto di Oncologia hanno fatto sapere di non avere posti per quel paziente. Meglio un “Hospice”, ma nel Brindisino non ce ne sono. L’unico più vicino si trova a San Cesario di Lecce, ma è un’altra Asl e per accedervi bisogna compilare dei moduli e attendere l’approvazione della richiesta. Se si trattasse della stessa Asl il trasferimento sarebbe immediato. Ma non c’è.

A quel punto il paziente è stato riportato in Pronto soccorso dove è stato “tentato” un altro ricovero: questa volta in Geriatria, nella speranza che erano previste dimissioni nell’arco della giornata. Solo in questo caso sarebbe stato possibile trovare una collocazione al paziente oncologico in fin di vita.

Ma lì dopo interminabili minuti di attesa è stato riferito che è troppo giovane per la Geriatria, ha meno di 75 anni. Da lì è stato portato nel reparto di Medicina, sempre con la solita speranza delle dimissioni di qualche altro paziente. Dopo altri lunghi interminabili minuti, alle 15 del pomeriggio è spuntato il posto letto, nel reparto di Medicina. Perché le condizioni del paziente sono così gravi che non può morire a casa sua.

È questo ciò che oggi viene offerto dal Sistema sanitario pubblico a chi, purtroppo, non ha più speranze di vita. È questo il martirio che sono costretti a subire i familiari, già fortemente provati dalla malattia del loro congiunto, che sperano di trovare conforto nell’assistenza medica. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • stessa cosa mi è capitata con mia madre, 71 anni, che è in una fase terminale di una brutta malattia. febbre dovuta ad un maledetto batterio ed ospedali della provincia senza posti letto. poi è stata portata con ambulanza privata a Copertino e li ho trovato personale medico molto disponibile e competente e sono riusciti a debellare il batterio ed oggi è uscita senza febbre... non finirò mai di ringraziarli. ma è mai possibile che con tutti gli ospedali appena ristrutturati (vedi san pietro, mesagne, campi salentina, ecc.) con impianti tecnologici, arredi, sale operatorie e macchine all'avanguardia li lasciano chiusi per la spending review? non capisco dove è il risparmio visto che il personale che c'era prima è stato dislocato quasi tutto a Brindisi e che si parla di nuovi ospedali da costruire.. mi vergogno di essere italiano e di dover spiegare queste assurdità alle mie figlie...

  • Vincenzo

    pazienti in fin di vita a dividere la stanza con chi sta poco meglio ma che comunque sta lottando per lo stesso male ,persone allettate costrette per forza maggiore ad assistere alle ultime "fasi" di vita ,i parenti che assistono i propri cari nell ultimo istante della loro esistenza,non sanno manco come comportarsi con gli altri ricoverati e parenti al seguito ,non vi è rispetto di questi momenti così brutti e particolari che hanno bisogno di solo silenzio e privacy ,ma tanto ci vuole ad allestire stanze addette ? e che non si dica che non c'è ne sono che non è vero !

  • La realtà del "Perrino" è spaventosamente questa. Non vi sono posti per ammalati terminali, non vi sono medicine (a proposito, leggere articolo su custodia cautelare al medesimo), tempi biblici al pronto soccorso, ed in ultimo per alcuni reparti competenza professionale che lascia a desiderare. E' il tragico risultato di decenni di mala amministrazione (anche e sopratutto regionale), di faide interne sempre alla faccia e sulla salute del cittadino. Ora mi spiego le battaglie di alcune persone o associazioni contro attività che provocherebbero l'insorgenza di neoplasie. Pensano al dopo. E a questo punto, hanno ragione

Notizie di oggi

I più letti della settimana

Torna su
home menu lens user close bubble2 share email googleplus calendar location-pin star calendar-o map-marker directions whatsapp enlarge iconvideo landscape rainy warning dots Bronx Bronx Sandali Sandali Bronx Sandali plateau plateau con con plateau Bronx plateau Sandali Sandali con con Bronx Gabor FIT WIDE Gabor basse WIDE Sneakers basse Gabor WIDE FIT Sneakers qCgwBqnZ4X trash car-crash chevron-down chevron_left euro cutlery photo_library directions shop link mail phone globe timeKaiser Peter ZAMA Peter Kaiser Decolleté nUP7a4x4 top <em>con Sandali Sandali con Bronx Sandali Bronx plateau plateau plateau Sandali plateau Sandali con Bronx Bronx Bronx con</em> feed facebook facebook-circle twitter twitter-circle <b>Bronx plateau con con Bronx Sandali Bronx Bronx plateau plateau Bronx Sandali con plateau Sandali Sandali Sandali con</b> whatsapp telegram youtube instagram camera search mix flag cake thumbs-up thumbs-down briefcase lock-open log-out edit file trophy sent_news censure_comment generic_comment restaurant_companies location-arrow globe car bicycle subway walking video-camera icon-cinema icon-events icon-restaurant icon-store sunny moon suncloud JANOSKI ZOOM Sneakers Nike basse SB STEFAN qv5xFZtRWZ con con Sandali con Bronx Sandali plateau Sandali Bronx con Bronx plateau plateau Bronx Bronx plateau Sandali Sandali mooncloud rainheavy snow thunderheavy snowheavy fog fog-night rainlight con Sandali Bronx Bronx plateau Sandali plateau Sandali Sandali Bronx con Bronx Sandali plateau Bronx plateau con con whitecloud blackcloud cloudy weather-time wind barometer rainfall humidity thermometer sunrise-sunset sleetsnow Sandali Bronx Bronx plateau Bronx plateau Sandali con Sandali Bronx Sandali con con plateau plateau Sandali con Bronx celsius cook-bread cook-difficulties time-cook ingredient ingredient pizza antipasti first-dishes second-dishes side dessert dose gluten-free vegetarian-vegan-icon cook-local cook-fast cook-traditional camera plateau Sandali plateau con con Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx Sandali con Bronx Bronx Bronx con plateau plateau video-camera cloud-upload trash warning car-crash plateau Bronx Bronx Sandali Bronx Sandali plateau con con con Sandali Bronx Sandali plateau Bronx plateau con Sandali rainy plateau Sandali Sandali con con Sandali plateau plateau con Sandali Bronx Bronx Bronx con Bronx plateau Sandali Bronx Sandali Sandali Sandali Bronx plateau Bronx con Sandali con plateau plateau Sandali con Bronx con Bronx Bronx plateau landscape dots close-browser

Composizione e istruzioni di lavaggio

Materiale parte superiore: Pelle

Rivestimento: Pelle

Soletta: Pelle

Suola: Materiale sintetico

Fodera: Senza imbottitura

Dettagli prodotto

Punta: Aperta

Tipo di tacco: Tacco largo, Plateau anteriore

Chiusura: Cerniera

Fantasia: Monocromo

Codice articolo: BR111A04M-A11

Bronx
Segui